Food Marketing: si parte dall’on-line

Promuovere un nuovo ristorante e farlo on-line, richiede strategie di marketing precise. Non basta essere presenti, è necessario definire gli obiettivi, produrre contenuti pertinenti, scegliere e presidiare le piattaforme social più idonee, coinvolgere food blogger, creare eventi dedicati e parlarne.

8 spunti per una strategia di marketing on – line per un ristorante

1 – Differenziazione | In un mercato di competitor, puntare sui valori unici è il primo passo per ritagliarsi uno spazio non solo nel mondo virtuale. In questo caso il locale, che si trova in una località balneare (Bibione, VE), è uno dei rari immobili storici. Trovare le caratteristiche peculiari e puntare alla loro narrazione, ha permesso di avere i primi contenuti originali.

2 – Storytelling | Ovvero creare contenuti originali raccontando delle storie, condividerle tra sito, blog e piattaforme social, incentivarne l’utilizzo da parte della community. Creare contenuti d’interesse significa stimolare il pubblico; diversificare i contenuti significa rispettare la diversità dei singoli canali (social, sito aziendale, blog, …).

3 – Il sito | Il sito è la casa: colori, font, fotografie, video, temi, riflettono ciò che siamo. La presenza aziendale nel web deve essere curata e rivolta al cliente finale che cerca in primis delle risposte alle sue esigenze. In questo caso il sito ha una struttura intuitiva, è facilmente usabile, ha pagine essenziali suddivise nei tre temi principali, contiene geo localizzazione e invito alla call to action finale.

4 – Il blog | Dopo il sito, il blog aziendale è il modo di farci trovare in rete. I blog stanno godendo di nuova attenzione e la scrittura di un blog presuppone pianificazione e costanza. Gli articoli devono parlare il linguaggio del pubblico lettore ed essere scritti in ottica SEO. In questo caso i temi sono ludici, informativi, emozionali; si parla di prodotto (il ristorante), del suo utilizzo e delle esperienze (con cibo, bevande e musica) che qui si possono fare.

5 – I social network | Il social media marketing deve puntare a stesura di piani editoriali programmati, gestione dei contenuti propri, ascolto e condivisione di contenuti della community. In questo caso la scelta, per il tipo di pubblico e di prodotto, è ricaduta su Facebook e Instagram, Google Maps utilizzato come piattaforma social: i post parlano di esperienze, informano e seducono.

6 – L’Ufficio stampa on line | Le Digital PR e l’ufficio stampa on line diventano alleati importanti nelle strategie di SEO. Ogni volta che un sito web esterno mette un link al nostro sito (link building) non solo aumenta la visibilità del nostro sito internet ma anche la notorietà del nostro brand. Nel nostro caso, avere una rassegna jazz di qualità, ha permesso di attivare invii e follow up a testate giornalistiche on line, ottenendo risultati apprezzabili.

7 – I Testimonial | I food blogger italiani valgono 3 milioni di euro di Sara Monaca (wired.it) racconta bene quanto sia potenzialmente utile coinvolgere un food blogger per un esperienza. Parole, immagini, video, dirette Facebook o Instagram non solo descrivono i piatti e il menù, ma raccontano il “dietro le quinte”, la vita in cucina, vari aneddoti. Aziende e locali possono “umanizzarsi” e raccontarsi a 360°.

8 – Advertising | L’advertising on-line è utile e necessario nel lancio di un brand, quando il prodotto è nuovo ed è necessario farsi trovare. L’esperienza approfondita e pluriennale dei settori food e turismo, e la conoscenza della località in cui il ristorante si colloca, hanno giocato un ruolo importante nella definizione del target e degli obiettivi delle campagne Google e nelle sponsorizzazioni di post Facebook.

L’ultimo punto riguarda il monitoraggio della propria presenza on line (punti di forza, debolezza, centro degli obiettivi, comprese le recensioni) che deve essere effettuata periodicamente. Avere chiaro come siamo percepiti permette di correggere il tiro, ridefinire gli obiettivi o continuare lungo la strada tracciata.

Del caso di Havana ne ho parlato a Parma, al corso per l’Ordine dei Giornalisti Food Mania: come si costruisce un reportage sul cibo (novembre 2018)

About the Author: Anna Romanin

Affidabile e precisa, aiuto le aziende e le persone a definire la propria presenza digitale e reale. Con un pizzico di naturale eleganza che non guasta mai.

Condividi questo articolo? Diffondilo sui social!

Ti potrebbero interessare

Leave A Comment

By Published On: Ottobre 5th, 2019Categories: comunicazione